Vocazione alla fama - Documento 1

Vedremo ora un caso “inverso”, quello di Nicoletta Coronini Cronberg (1896-1984) sorella dell’ultimo rampollo della nobile prosapia goriziana, il conte Guglielmo.

Nicoletta ha tentato di percorrere la carriera di scrittrice, così da trovare una propria affermazione e indipendenza personale, ma anche per dedicarsi ad una professione culturale impegnativa. A ragione Lucia Pillon scrive che “[n]ell’Europa del Novecento la scrittura ha iniziato a essere considerata campo d’attività aperto alle donne, al pari del dipingere, seppure limitatamente a        settori considerati inferiori, quali la produzione destinata all’infanzia.” [Lucia Pillon]

Abbiamo la fortuna di aver conservati le bozze dei testi e dei disegni di Nicoletta.

Abbiamo scelto di farvi apprezzare alcuni disegni:

Segnature:
Archivio Coronini Cronberg – Atti e documenti, b. 321, f. 876 – Foto di Nicoletta
Archivio Coronini Cronberg – Atti e documenti, b. 479, f. 1520 – Prima di uscire
Archivio Coronini Cronberg – Atti e documenti, b. 283, f. 740 – Ballo Piazzutta