Maggio 2024 – Stampatore, attento al delatore!

Il documento di questo mese è un editto del Consiglio Capitaniale delle unite Contee di Gorizia e Gradisca, datato 9 maggio 1761, che impone ai tipografi delle provincie ereditarie di non “stampare cosa alcuna, fosse anco una sola carta o biglietto”, senza apporvi il luogo di stampa e il loro nome e cognome. È interessante constatare che già a metà del Settecento si volesse (anche per motivi censori) responsabilizzare la figura degli stampatori, anticipando, inoltre, quello che è l’attuale diritto di copyright.
 
Si apriva l’epoca d’oro dell’editoria goriziana, sicché fu ordinato che l’editto fosse “affisso al loco solito ad universale inteligenza [e] fatto palese comunemente a tutti” e che gli eventuali trasgressori fossero multati secondo una pena pecuniaria proporzionata. Questo editto avrà attirato, oltre che l’attenzione degli stampatori, soprattutto quella dei potenziali “denunzianti”. Ai “delatori” infatti era corrisposta la metà dei ricavi della sanzione.
 
Di certo i tipografi interessati a restare anonimi, indipendentemente dalla nobilità dei testi pubblicati, dopo questa ordinanza non godettero di vita facile, poiché si sa che gli “spioni” sono sempre in allerta soprattutto se ufficialmente retribuiti.
 
Segnatura archivistica: ASGO, Pretura di Gradisca (1503-1830), busta 34, filza 34, 9 maggio 1761

Condividi

Facebook
Twitter
Email
WhatsApp
Fondi archivistici
Archivio De Simone (4) Archivio notarile - Notai (1563-1915) (1) Archivio storico Coronini Cronberg - Atti e documenti (1257-1950) (6) Archivio storico Coronini Cronberg - Biblioteca (1) Archivio storico del Comune di Gorizia (1830-1956) (4) Archivio storico del Comune di Lucinico (1905-1927) (1) Camera di Commercio Industria Agricoltura ed Artigianato di Gorizia (1856-1947) (1) Capitanato distrettuale di Gorizia (1860-1918) (2) Commissariato civile per il distretto politico di Gorizia (1919-1926) (1) Commissariato civile per il distretto politico di Gradisca (1917-1922) (1) Direttiva Renzi 2014 (1) E.N.A.L. (1945-1983) (1) E.N.A.P.I. (1903-1980) (3) Ginnasio-Liceo di Gorizia (1904-1926) (1) Giudizio distrettuale di Gorizia (1898-1922) (1) Giudizio distrettuale di Monfalcone (1798-1922) (2) Giudizio Distrettuale di Quisca – Cause civili (1799-1846) (1) Ispettorato provinciale del lavoro – Serie molini e panifici (1920-1965) (1) Istituto magistrale "Vincenzo Arbarello" di Tolmino (1928-1944) (1) Prefettura di Gorizia - Archivio di Gabinetto (1927-1947) (2) Prefettura di Gorizia - Archivio di Gabinetto (1945-1986) (2) Prefettura di Gorizia - Archivio generale (1927-1962) (10) Prefettura di Gorizia - Ufficio stralcio di Pola (1919-1947) (1) Pretura di Gradisca (1503-1830) (4) Procura dello Stato (1848-1922) (1) Provveditorato agli studi di Pola (1923-1951) (2) Tribunale circolare di Gorizia - Atti presidiali (1854-1924) (1) Tribunale civico provinciale di Gorizia (1793-1850) (2) Ufficio tavolare di Gorizia – Libri e strumenti tavolari (1761-1891) (1)
Vedi gli altri

Articoli

Febbraio 2024 – Giorno del Ricordo 2024

Vi presentiamo una lettera datata 28 agosto 1946, inviata dal presidente dell’Amministrazione provinciale dell’Istria, con sede a Pola, alla Direzione generale dell’Amministrazione civile e, in

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie legati alla presenza di plugin di terze parti. Se vuoi saperne di più, leggi l’informativa estesa. Continuando la navigazione si acconsente all’utilizzo dei cookie​