Aprile 2023 – Pietra d’inciampo per Ladislao Herskovitz

In occasione della “Giornata del ricordo dell’Olocausto” (Yom HaShoah), che ricorre ogni anno, con data variabile, traendo spunto dalla eroica sommossa del ghetto di Varsavia nel 1943, si è tenuta ieri a Gorizia, in via Lunga 58, una toccante cerimonia per la posa della pietra di inciampo dedicata a Ladislao Herskovitz (poi Ercoli). All’evento, promosso dal “Centro per la conservazione e valorizzazione delle Tradizioni popolari di Borgo San Rocco”, dalla Associazione “Amici d’Israele”, dal Comune di Gorizia e dalla scuola secondaria di primo grado “G. I. Ascoli” di Gorizia, hanno partecipato attivamente gli allievi della scuola che, supportati in primis dalle professoresse Cinzia Beltrame e Barbara Sturmar, hanno ricostruito la storia di Ladislao lavorando anche su documenti dell’Archivio di Stato.

Presentiamo come documento del mese uno di quelli visionati dai ragazzi, trovato all’interno dell’archivio della Camera di commercio, industria, agricoltura ed artigianato di Gorizia. Si tratta della denuncia da parte di Ladislao Ercoli della azienda “Fabbrica Mobili L. Ercoli” (ubicata in via Lunga 58), per sé e per Anna, sorella e socia. All’obbligo di denuncia non poteva sottrarsi alcun ebreo: il regio decreto legge 17 novembre 1938- XVII n. 1728 “Provvedimenti per la difesa della razza italiana”, all’articolo 10 lettera c), prevedeva infatti che “I cittadini italiani di razza ebraica non [potevano]” “essere proprietari o gestori, a qualsiasi titolo, di aziende dichiarate interessanti la difesa della Nazione […] e di aziende di qualunque natura che [impiegassero] cento o più persone, né avere di dette aziende la direzione né assumersi comunque, l’ufficio di amministratore o di sindaco”. Da notare la firma originale di Ladislao.

Segnatura archivistica: ASGO, Camera di Commercio, Industria, Agricoltura ed Artigianato di Gorizia (1856-1947), b. 128, f. 633.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:
Fondi archivistici
Archivio De Simone (4) Archivio notarile - Notai (1563-1915) (1) Archivio storico Coronini Cronberg - Atti e documenti (1257-1950) (6) Archivio storico Coronini Cronberg - Biblioteca (1) Archivio storico del Comune di Gorizia (1830-1956) (4) Archivio storico del Comune di Lucinico (1905-1927) (1) Camera di Commercio Industria Agricoltura ed Artigianato di Gorizia (1856-1947) (1) Capitanato distrettuale di Gorizia (1860-1918) (2) Commissariato civile per il distretto politico di Gorizia (1919-1926) (1) Commissariato civile per il distretto politico di Gradisca (1917-1922) (1) Direttiva Renzi 2014 (1) E.N.A.L. (1945-1983) (1) E.N.A.P.I. (1903-1980) (3) Ginnasio-Liceo di Gorizia (1904-1926) (1) Giudizio distrettuale di Gorizia (1898-1922) (1) Giudizio distrettuale di Monfalcone (1798-1922) (2) Giudizio Distrettuale di Quisca – Cause civili (1799-1846) (1) Ispettorato provinciale del lavoro – Serie molini e panifici (1920-1965) (1) Istituto magistrale "Vincenzo Arbarello" di Tolmino (1928-1944) (1) Prefettura di Gorizia - Archivio di Gabinetto (1927-1947) (2) Prefettura di Gorizia - Archivio di Gabinetto (1945-1986) (2) Prefettura di Gorizia - Archivio generale (1927-1962) (10) Prefettura di Gorizia - Ufficio stralcio di Pola (1919-1947) (1) Pretura di Gradisca (1503-1830) (4) Procura dello Stato (1848-1922) (1) Provveditorato agli studi di Pola (1923-1951) (2) Tribunale circolare di Gorizia - Atti presidiali (1854-1924) (1) Tribunale civico provinciale di Gorizia (1793-1850) (2) Ufficio tavolare di Gorizia – Libri e strumenti tavolari (1761-1891) (1)

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie legati alla presenza di plugin di terze parti. Se vuoi saperne di più, leggi l’informativa estesa. Continuando la navigazione si acconsente all’utilizzo dei cookie​